ADDOMINALI: TRA MITI E FALSE VERITA’

1639-uomini-appoggiano-rete-pancia-nuda

I muscoli addominali, da sempre, hanno rivestito un ruolo particolare per il loro valore estetico, per via della famosa “tartaruga”, tanto desiderata dagli uomini e tanto amata dalle donne.

Quante volte in palestra abbiamo sentito parlare di allenare gli addominali bassi e gli addominali alti?
Ma è veramente possibile?

Facciamo un po’ di chiarezza.

Per addominali si intende tutta quella regione dell’addome delimitata frontalmente dalla parete addominale anteriore e contenuta superiormente dal diaframma e inferiormente dalla cavità pelvica.

Partendo da un po’di anatomia umana, i muscoli addominali sono composti da:
-retto dell’addome
-obliquo interno
-obliquo esterno
-trasverso dell’addome

Il muscolo RETTO DELL’ADDOME è quello che da la famosa forma a SIX PACK all’addome e quello che più ci interesserà.
Esso è implicato assieme agli obliqui nella flessione frontale e laterale e alla retroversione del bacino.
Ha funzioni di contenimento dei visceri, è coinvolto nell’espirazione e, se contratto, aumenta la pressione addominale

L’ unica separazione a livello anatomico del retto dell’addome, si può rilevare solamente tra parte destra e parte sinistra, unite tra loro dalla linea alba, il punto di fusione delle guaine fibrose che avvolgono il muscolo.

Da ciò, possiamo dedurre, che il retto dell’addome è un muscolo unico.
Non vi è, perciò, distinzione tra addominali alti e addominali bassi.
Qualsiasi esercizio andremo a fare per allenare l’addome andrà a stimolare l’intera parete del retto addominale.

Questo mito di poter allenare diversamente parte alta e bassa nasce da una sensazione di particolare affaticamento percepito maggiormente nella regione pubica con lo svolgimento di certi esercizi.
Questi esercizi, come il CRUNCH INVERSO o le SFORBICIATE vanno ad allenare altri muscoli, in particolar modo l’ILEOPSOAS.

Come allenare, perciò, gli addominali?

Saranno sufficienti dei classici SIT UP o CRUNCH ALLA PANCA per allenare in maniera adeguata l’addome, aumentando l’angolazione delle gambe se si vuole incrementare la difficoltà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...